Forever Michael

Forum dedicato a Michael Jackson:la musica personificata.

Benvenuto

Benvenuto ospite! Il forum ti invita a registrarti per partecipare alle nostre discussioni. Il forum invita anche i nuovi utenti a presentarsi nell'apposita sezione,in modo da farsi conoscere e ricevere il nostro benvenuto. Inoltre il forum ricorda a tutti i membri di leggere attentamente e rispettare sia il regolamento generale sia i regolamenti delle diverse sezioni. Ciò faciliterà la comprensione delle varie discussioni e il lavoro di tutti. Grazie. Buona navigazione e buon divertimento

Ultimi argomenti

I postatori più attivi del mese

\');}rp_account="11662";rp_site="36512";rp_zonesize="151372-2";rp_adtype="js";rp_smartfile="[SMART FILE URL]";');}//]]>

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

mija.jami
mija.jami
Admin
Admin

Età : 43
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 08.03.12
Messaggi : 3761
Punti : 8426

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da mija.jami il Sab 18 Ago - 11:45

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

17/08/2012 - INTERVISTA
Spike Lee: così Jackson
non l'avete mai visto


Il regista Spike Lee presenterà il suo documentario il 31 agosto a Venezia

Il regista: porto alla Mostra
«Bad 25» esempio di come
si diventa straordinari



LOS ANGELES - Sin da quando è emerso sulla scena negli Anni 80 con Lola Darling e Fai la cosa giusta continuando poi con produzioni più ambiziose come Malcolm X , altre sottovalutate come La 25ma ora e altre più commerciali come Inside Man, la filmografia di Spike Lee parla da sola. Ma più che per le nomination agli Oscar e i tanti premi ricevuti in giro per il mondo, il regista newyorchese è noto come l’afro-americano sempre arrabbiato, quello che con linguaggio spesso incendiario usa la sua notorietà per denunciare il razzismo di Hollywood e del suo paese. Un militante più che un film-maker.

In questi giorni ha lasciato New York per venire a Los Angeles a promuovere Red Hook Summer, un film che ci riporta alla Brooklyn dei suoi inizi. I temi sono i suoi classici: razzismo, religione, gang che terrorizzano il quartiere, relazioni genitori e figli, rinnovamento urbano, il tutto girato con uno stile da cinema-verità. Ci si aspetta dunque un Lee arrabbiato, ma oggi per una volta il regista cinquantacinquenne appare spiritoso e pronto a ridere di se stesso. E disponibile a parlare dei suoi altri progetti: dal «one-man-show» a Broadway con Mike Tyson, And This be The Truth; e di Bad 25, il documentario su Michael Jackson a 25 anni dall’uscita del disco Bad che presenterà a Venezia, e dove ritirerà il premio «Jaeger-LeCoultre Glory».

- Mr Lee, Venezia per lei è un ritorno.
«Sono sempre molto contento di tornare in Italia, dove girai Miracolo a Sant’Anna a Cinecittà e in Toscana. Quanto a Venezia, non so se questa è la mia quinta o la sesta volta che ci vado».

- Presenterà il documentario su Michael Jackson.

«Il 31 agosto sarà il 25° anniversario dell’uscita di Bad , il disco venuto dopo Thriller che resta il più venduto della storia. Ho avuto pieno accesso a tutto ciò che era stato filmato, scene che il mondo non ha mai visto e mai si aspetterebbe. Michael è stato un personaggio straordinario, ma come capita con altri con il suo talento, tipi come Usain Bolt o Michael Jordan, vediamo solo il prodotto finale. Qui trovi il lavoro che c’è stato dietro per arrivare a picchi così elevati. Ci sono interventi di Mariah Carey e Kanye West, che in quegli anni erano bambini e che ci raccontano come sono stati influenzati da lui. Io ho lavorato per Michael e per me è stato un onore. Sono nato un anno prima di lui e l’ho sempre ammirato. Quando era nei Jackson 5 e aveva la capigliatura afro, me la sono fatta crescere anche io».


Passiamo a «Red Hook Summer».
«Sapevo che gli studios non avrebbero voluto toccare un progetto come questo e così me lo sono fatto da solo. Mi sono occupato anche della distribuzione e dunque non ci saranno paginoni sul Los Angeles Times e pubblicità televisive. Conto sul passaparola».

E Tyson a Broadway?
«È da solo, emotivamente nudo a parlare dei suoi trionfi e dei suoi momenti più bassi. Una cosa che non fanno in molti, non di fronte al pubblico, non a Broadway».

Siamo a meno di tre mesi dalle elezioni, come la vede?
«Spero che il presidente Obama venga rieletto. Mi piacerebbe anche vedere il potere del denaro che non influenza più la politica, ma temo quel giorno non arriverà mai».

FONTE: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]


Documentario su Micheal Jackson di Spike Lee a Venezia

„Spike Lee porta a Venezia un Michael Jackson inedito: "Con nuove canzoni"
Il regista sarà in laguna il 30 agosto per ricevere il premio "Glory to the Filmmaker" e per presentare il suo documentario "Bad 25", a 25 anni dalla realizzazione dell'album di Jacko“

Documentario su Micheal Jackson di Spike Lee a Venezia


E' uno dei lungometraggi più attesi della prossima edizione della mostra del cinema di Venezia. Si tratta di "Bad 25", il documentario su Michael Jackson realizzato da colui il quale fu un suo grande fan in gioventù: Spike Lee, che arriverà in laguna il 30 agosto per ricevere il premio "Jaeger-LeCoultre Glory". "E' la quinta o sesta volta che vado a Venezia - spiega il regista a La Stampa - Sono sempre molto contento di tornare in Italia, dove girai Miracolo a Sant'Anna a Cinecittà e in Toscana".

Per quanto riguarda il film, Spike Lee è molto orgoglioso del film: "Faccio vedere cose di Michael che nessuno aveva mai visto prima. E' un lungometraggio celebrativo della venticinquesimo anniversario dell'uscita dell'album 'Bad', che seguì il successo planetario di 'Thriller', l'album più venduto di tutti i tempi". Il regista specifica anche di avere "avuto accesso a tutto il suo materiale privato".

Nel documentario ci saranno interventi di Mariah Carey e Kanye West, che in quegli anni erano bambini. Raccontano come sono stati influenzati dal "Re del Pop". "Io ho lavorato per Michael e per me è stato un onore - continua Spike Lee - Sono nato un anno prima di lui e l'ho sempre ammirato. Quando era nei Jackson 5 e aveva la capigliatura afro, me la sono fatta crescere anche io".


Per i fan, inoltre, ci sarà la possibilità di ascoltare anche brani inediti di Micheal Jackson: "Lui aveva registrato circa 60 demo per 'Bad', intendo 60 brani, e solo 11 sono stati inseriti nell'album finale. Facciamo quindi sentire alcuni brani che nessuno aveva mai ascoltato prima, mai pubblicato ufficialmente. Un dietro le quinte favoloso".

FONTE: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]


_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Love lives forever...
NOI,VERI fan di Michael Jackson,non odiamo nessuno e non lanciamo maledizioni a nessuno. NEMMENO A CHI CI INVIDIA E CI COPIA!
IT'S ALL FOR LOVE!

LA DIFFERENZA TRA LA GENIALITA' E LA STUPIDITA' E' CHE LA GENIALITA' HA I SUOI LIMITI....
Sere_Mj
Sere_Mj
Rock with you
Rock with you

Data d'iscrizione : 03.04.12
Messaggi : 169
Punti : 3194

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da Sere_Mj il Lun 20 Ago - 10:04

Non vedo l'ora di poterlo vedere! Sarà un bagno di lacrime ç_ç
mija.jami
mija.jami
Admin
Admin

Età : 43
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 08.03.12
Messaggi : 3761
Punti : 8426

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da mija.jami il Ven 31 Ago - 9:38

AGGIORNAMENTO

Mostra Venezia/ Oggi il film su Michael Jackson di Spike Lee
"Bad 25" con testimonianze inedite.


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Roma, 31 ago. (TMNews) - Oggi a Venezia è il giorno di Spike Lee con l'atteso film fuori concorso "Bad 25" dedicato a Michael Jackson nell'anniversario, 25 anni, dall'uscita del celebre album "Bad". La pellicola, composta da filmati girati dal cantante e ballerino scomparso, contiene parti inedite, testimonianze di tante persone che lavorarono con lui nel corso degli anni e interviste a Mariah Carey, L.A. Reid e Sheryl Crow, corista nel tour Bad.

FONTE: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]


_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Love lives forever...
NOI,VERI fan di Michael Jackson,non odiamo nessuno e non lanciamo maledizioni a nessuno. NEMMENO A CHI CI INVIDIA E CI COPIA!
IT'S ALL FOR LOVE!

LA DIFFERENZA TRA LA GENIALITA' E LA STUPIDITA' E' CHE LA GENIALITA' HA I SUOI LIMITI....
mija.jami
mija.jami
Admin
Admin

Età : 43
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 08.03.12
Messaggi : 3761
Punti : 8426

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da mija.jami il Ven 31 Ago - 16:21

AGGIORNAMENTO

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Cinema/Venezia: Bad 25, abbraccio ideale di Spike Lee a Michael Jackson
31 Agosto 2012 - 15:08


(ASCA) - Venezia, 31 ago - Commovente, ironico, inedito, attento, toccante, profondo, intimo e per questo imperdibile ''Bad 25'' di Spike Lee, film documentario presentato questa mattina con due proiezioni per la stampa affollatissime. Un abbraccio ideale del regista americano al re del pop che rimbalza e stringe lo spettatore in un abbraccio altrettanto avvolgente che, attraverso la musica di ogni singolo realizzato per l'album piu' venduto di tutti i tempi, arriva dritto al cuore e alla memoria di ciascuno.

Presentato in anteprima mondiale alla Mostra, il film e' qualcosa di piu' di un'opera celebrativa a 25 anni dall'uscita dell'album ''Bad'', il terzo album di Michael Jackson prodotto da Quincy Jones e di cui Michael scrisse nove delle undici tracce. Numero uno nelle classifiche di tutto il mondo, entro' nella storia della discografia con cinque singoli consecutivi ai vertici delle classifiche vendendo oltre 45 milioni di dischi.

''Oggi e' una data speciale, proprio oggi usci' l'album - ricorda Spike Lee - Era infatti il 31 agosto 1987. Michael festeggiava il suo compleanno due giorni prima''. ''Uno dei motivi per cui volevo realizzare questo documentario e' perche' quando ho ricevuto il mandato, volevano che mi concentrassi solo sulla musica e sul genio musicale di Michael. E cosi' abbiamo fatto. Quel che non sapevamo pero' era il sangue, il sudore e le lacrime che c'era dietro a tutto questo. La realizzazione di questo film mi ha permesso di arrivarci attraverso la voce, i ricordi e i racconti dei suoi collaboratori. Michael non era mai soddisfatto di quel che otteneva, voleva sempre andare oltre. Il completo accesso alle sue cose personali, ci ha permesso di vedere cose inedite tra cui video e appunti in cui scriveva cose come 'Studiare i grandi per diventare grandi noi stessi'''. ''Cosa significa Michael Jackson per me e' tutto incorporato in questo documentario. Bad 25 e' una lettera d'amore - spiega Lee -. Sono cresciuto accanto a lui, amandolo man mano che crescevo''.

Il ''Bad World Tour'' fu il primo tour di concerti di Michael come artista solista: 123 concerti a 4,4 milioni di fan in sedici mesi entrando nel Guinness World Records per essere stato il piu' grande tour campione di incassi della storia, il tour con il piu' vasto pubblico e per piu' show sold out al Wembley Stadium.

Michael Jackson e' scomparso il 25 giugno 2009 all'eta' di 50 anni. ''Ero ad una conferenza a Cannes - ricorda ancora Spike Lee - quando l'agente mi chiamo' e come tante persone che ho intervistato nel documentario, non ci ho creduto. Mi sono allora sintonizzato sulla Cnn e ho visto l'annuncio della morte che veniva dato dal fratello di Michael. Tornato a NY, e non dico una bugia, mi ha sorpreso la profondita' del sentimento. Ho guardato il mio Ipad e avevo solo un album. Cosi' sono andato a comprare ogni suo disco. Volevo qualunque cosa lui abbia fatto. E da quel giorno, per ogni ora del giorno, ho ascoltato la sua musica''

FONTE: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Appassionato e ingenuo Spike Lee racconta il vero Michael Jackson

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Venezia - È il più bel omaggio che si potesse fare a Michael Jackson.

L'ha realizzato Spike Lee con Bad 25, oltretutto uno dei film più belli visti sinora alla Mostra del cinema di Venezia. Un altro è quello - sempre musicale - di Jonathan Demme sul nostro Enzo Avitabile. Due documentari che mettono in crisi i film di finzione, ma questa è un'altra storia.

Quella che invece vuole raccontare Spike Lee è la nascita - quasi una radiografia con vivisezione - di uno dei dischi più importanti di Michael Jackson, Bad, a 25 anni esatti dalla sua uscita (la Sony il 18 settembre farà uscire in tutto il mondo un cofanetto celebrativo). Perché è l'album successivo alla consacrazione mondiale di Thriller, entrato nel Guinnes dei primati come il più venduto della storia, quello col quale vuole dimostrare di potercela ancora fare, da solo.
Siamo nel momento in cui Jacko, affrancatosi dalla famiglia, investe gli enormi capitali acquistando i diritti di tutto il catalogo dei Beatles e inizia a crearsi la sua Neverland che poi gli porterà anche dei guai legati alle accuse di molestie sessuali su minori. Ma, fin dal primo minuto del film, si capisce che il regista afroamericano sceglie di scindere completamente il ritratto dell'artista da quello dell'uomo.
Abbandonando quindi completamente i lati più controversi che hanno accompagnato la figura di Michael Jackson fino alla morte avvenuta tre anni fa e concentrandosi invece solo sul processo creativo del musicista e sulla sua straordinaria etica del lavoro. «Perché - spiega il regista che nel 1996 aveva diretto il video della canzone They don't care about us da HIStory: Past, Present and Future - Book I - noi vediamo sempre e solo l'opera finale ma non il sangue, il sudore e le lacrime che stanno dietro».

Così, seguendo una per una tutte le tracce che compongono Bad, alternandole a immagini di repertorio, ai video musicali (in realtà veri e propri film corti come amava definirli Jackson affidandoli a registi come Scorsese) e alle interviste a decine di collaboratori (tra cui lo storico collaboratore Joe Pytka e il produttore Quincy Jones), Spike Lee riesce, con un ritmo interno del racconto cinematografico che si trasforma in forza espressiva straordinaria, a rimettere insieme il puzzle che portava Michael Jackson a essere Michael Jackson. Ossia un grande cantante e un originalissimo ballerino che con le sue movenze è entrato nell'immaginario collettivo globale.
Il suo segreto? «Michael voleva sempre migliorare. Dopo Thriller si è impegnato tantissimo perché Bad vendesse ancora di più. E poi, come mostro nel film, in un foglietto aveva scritto: “Studiare i grandi per diventare più grande a mia volta”. Prendeva spunto dagli amati Fred Astaire e Gene Kelly. Ma quando saliva lui sul palco ai concerti, come a Wimbledon, sembrava attraversato dalla musica e non faceva più parte di questo mondo, stava in un altro pianeta», dice Spike Lee. Che nel documentario inserisce un passaggio molto bello in cui tutti gli intervistati sono chiamati a rispondere alla domanda su dove si trovavano quando è morto Michael Jackson, un po' come capita - su scala diversa - con l'11 settembre. Un montaggio di volti, anche noti, come quelli di Mariah Carey, Kanye West o Justin Bieber che, spesso, non riescono a nascondere le lacrime e un po' di disperazione.
La stessa che Spike Lee confida di aver provato per mesi in cui non faceva altro che ascoltare la musica di Jacko. Tanto da aggiungere: «Questo mio lavoro è un atto d'amore verso di lui. La verità è che io sono cresciuto vedendo le sue performance, prima con i Jackson Five e poi da solista. L'ho amato davvero. Sognavo proprio di essere lui».]

FONTE: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

MOSTRA DEL CINEMA DI VENEZIA 2012

Spike Lee: Bad 25, la mia lettera d'amore a Michael Jackson


Il regista del documentario: qualcuno gira un film
sulla sua vita purtroppo non io.
Con me lo vedrete mentre creava la sua musica

VENEZIA - "Qualcuno sta per girare un film sulla vita di Michael Jackson. Purtroppo non sarò io", sussurra Spike Lee con un sorriso dispiaciuto.
Dunque un film vero sull’esistenza avventurosa e controversa del Peter Pan del pop, è in preparazione. Un film che magari Venezia accoglierà a suo tempo in modo meno sbrigativo, nella presentazione ai media, di quanto sia accaduto ieri al Lido per Bad25, docufilm promozional-umano fuori concorso che il regista statunitense è venuto a presentare a 25 anni giusti dall’uscita di Bad, album che seguiva il successo planetario di Thriller (100 milioni di dischi venduti) e precedeva il primo tour solista, rimasto pietra miliare del genere.

A tre anni dalla scomparsa di Jacko la famiglia Jackson, in collaborazione con la Sony, rilancia la figura dell’uomo nel suo picco creativo, con un’operazione-mostre che dopo Venezia proseguirà il 18 settembre con l’uscita di Bad25, un cofanetto che conterrà in DVD l’intero concerto tenuto a Wembley nell’88, l’album Bad rimasterizzato, altro materiale inedito con demo personali e un cd dalla regia audio di Wembley. Materiali succulenti per collezionisti, ma (anche) utili per riscoprire il versante artistico di un personaggio a lungo ricoperto dalla polvere equivoca di infinite vicende giudiziarie, onerosi risarcimenti economici, paternità e comportamenti assai discussi.

È ovvio dunque che Bad25, docufilm di due ore abbondanti affidato al regista Spike Lee, finisca per rivelarsi una celebrazione di Jackson, colto nei suoi processi creativi attraverso immagini inedite e testimonianze copiose di ingegneri del suono, musicisti, amici, Martin Scorsese regista dello «short film» legato al singolo Bad, l’emerito produttore Quincy Jones, Sheryl Crow che fu corista nel tour, Justin Bieber visto come un fan e Stevie Wonder come amico; con anche pregevoli rivelazioni sull’ispirazione complessiva del suo mondo: lo studio per esempio del film di Vincent Minnelli The Band Wagon con Fred Astaire che viene qui accostato al video di Smooth Criminal e suona omaggio aperto all’attore/ballerino.

Tutto questo Spike Lee lega con un trasporto affettuoso, carico anche di pathos nel finale, quando ciascun testimone, ricordando il momento in cui Jacko se n’è andato, fa scorrere lacrime da guance rudi e solcate di rughe.

- Lei, gentile Spike Lee, è un regista-fan...
«Non lo nascondo. Ho solo un anno più di Michael, sono cresciuto con la musica dei Jackson Five, e quando è morto ho accumulato nel mio iPod tutto quello che aveva scritto. Alcune opere più recenti passate in sordina saranno riscoperte dalle generazioni future. E ogni ragazzo non potrà mai fare a meno di Thriller o Bad».

- Questo suo viaggio musicale dentro il talento di Jackson ne mostra risvolti umani: la gioia, la timidezza verso le donne sul set.
«Volevamo focalizzare soprattutto sulla creazione. Non vediamo Bad finito, ma le idee che nascono, le lacrime, la fatica. Il fine era far emergere la figura attraverso chi lavorava con lui».

- Non compare alcun membro della famiglia nel documentario. Solo Jermaine, il fratello, che ne annuncia la morte
«Qui la famiglia non c’entra nulla, siamo su Bad. Tra l’altro Bad25 non è ancora stato visto dai figli Prince, Paris e Blanket (di 15, 14 e 10 anni, ndr) perché l’ho appena terminato».

- Come descriverebbe il suo lavoro?
«Mi sono concentrato sull’intera gamma delle emozioni: gioia, dolore, pene, felicità, sesso. Ho voluto che si capisse che dietro la musica c’è un essere umano normale».

- Lei come descriverebbe Michael?
«Gentile, con doni da Dio che non si troveranno a lungo in altre persone. Suonava un poco il pianoforte, ma creava cantando in un registratore e sapeva concepire tutte le parti strumentali per ogni canzone. Mi sono divertito tanto: mi piace la ricerca, guardare le vecchie foto, intervistare».

- Il suo lavoro si conclude con «Man in the Mirror» da Wembley.
«Quando è morto cantavano tutti questa canzone, come di Lennon cantarono Imagine. In quell’interpretazione non fa più parte di questo mondo».


FONTE: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]


_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Love lives forever...
NOI,VERI fan di Michael Jackson,non odiamo nessuno e non lanciamo maledizioni a nessuno. NEMMENO A CHI CI INVIDIA E CI COPIA!
IT'S ALL FOR LOVE!

LA DIFFERENZA TRA LA GENIALITA' E LA STUPIDITA' E' CHE LA GENIALITA' HA I SUOI LIMITI....
mija.jami
mija.jami
Admin
Admin

Età : 43
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 08.03.12
Messaggi : 3761
Punti : 8426

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da mija.jami il Sab 1 Set - 15:37

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Gli snippest presenti alla fine del video riguardanti il film sono già stati postati nel topic in cui si dava l'annuncio del film di Lee.


_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Love lives forever...
NOI,VERI fan di Michael Jackson,non odiamo nessuno e non lanciamo maledizioni a nessuno. NEMMENO A CHI CI INVIDIA E CI COPIA!
IT'S ALL FOR LOVE!

LA DIFFERENZA TRA LA GENIALITA' E LA STUPIDITA' E' CHE LA GENIALITA' HA I SUOI LIMITI....
mija.jami
mija.jami
Admin
Admin

Età : 43
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 08.03.12
Messaggi : 3761
Punti : 8426

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da mija.jami il Sab 1 Set - 21:17

MOSTRA CINEMA DI VENEZIA 2012/ Su Iris l'intervista a Spike Lee per il suo "Bad 25", omaggio a Michael Jackson.


L'OMAGGIO A MICHAEL JACKSON DI SPIKE LEE- STASERA SU IRIS- Appuntamento questa sera, in seconda serata, su Iris (Mediaset) con il regista di “Fa’ la cosa giusta” e “Malcom X”, Spike Lee. Sul canale Mediaset del digitale terrestre andrà, infatti, in onda un'intervista esclusiva al cineasta americano in occasione della presentazione del suo film-tributo su Michael Jackson “Bad 25” presentato ieri, fuori concorso, alla Mostra del Cinema di Venezia. Appuntamento, dunque, con la lunga chiacchierata fra l'inviata del Tg5 Anna Praderio e Lee ma anche con Tatti Sanguineti che come di consueto commenterà le opere più interessanti del giorno. Non mancheranno le voci dei più importanti attori presenti alla kermesse saranno raccolte dalle inviate Marta Perego e Mila Cantarelli. La pellicola di Spike Lee, presentata ieri al Lido in due anteprime affollatissime, vuole essere un lungo e caloroso abbraccio d'addio a Jacko, scomparso poco più di due anni fa e che celebra il periodo d'oro del canatante: l'uscita dell'album “Bad”, il 31 agosto 1987 e il conseguente “Bad world tour”. Un periodo di grandissime pressioni per Jackson, reduce dal successo irraggiungibile dell'album precedente. Dopo il successo planetario di “Thriller”, album più venduto di tutti i tempi con i suoi 109 milioni di copie, con questo disco che ne vendette “solo” 8, il cantante stabilì comunque un nuovo record, quello del maggior numero di singoli arrivati in vetta di Billboard Hot 100. Non a caso il produttore della pellicola è Quincy Jones storico autore del re del pop che scrisse per lui nove tracce su dieci dell'album “Bad”. “Cosa significa Michael Jackson per me e' tutto incorporato in questo documentario- dice Spike Lee durante la conferenza stampa di presentazione- “Bad 25” e' una lettera d'amore - spiega Lee che aveva diretto Michael una sola volta, nel video “They don't really care about us”-. Sono cresciuto accanto a lui, amandolo man mano che crescevo”. Il “Bad World Tour” fu il primo di Michael come artista solista: 123 concerti a 4,4 milioni di fan in sedici mesi entrando nel Guinness World Records per essere stato il piu' grande tour campione di incassi della storia, il tour con il più vasto pubblico e per più show sold out al Wembley Stadium.

“Bad 25” è, dunque, la celebrazione di una carriera folgorante e lunghissima, un docu-film che non lascia spazio al pettegolezzo o alle varie bizzarrie che hanno caratterizzato la vita di Jacko. E' un insieme di video girati dallo stesso Jackson durante il tour “Bad World Tour” e racchiude le testimonianze di allora e di oggi di moltissimi cantanti di successo che l'hanno conosciuto e apprezzato: da Mariah Carey sino a Kanye West passando per Justin Bieber.


FONTE: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]



1 settembre 2012 - Gossip&Tv Commenta per primo!
«Michael Jackson, quante paure Temeva i riti voodoo di Prince»


Spike Lee entra col suo solito basco, indossa la maglietta con la faccia di Michael Jackson, e dice: «Questo documentario è una lettera d’amore. Io sono del 1957, Michael era del ’58. Da piccolo volevo essere lui, m’ero fatto la stessa capigliatura afro. Ma non potevo cantare e ballare. Ho voluto concentrarmi sul suo genio musicale». Eppure Bad25 è pieno di sorprese. Ci sono i travestimenti del cantante per non farsi riconoscere, «riuscivo a fregare perfino mia madre», dice in immagini di repertorio. A tre anni dalla sua morte, e a venticinque esatti da quando uscì «Bad», il suo terzo album, Spike Lee ricostruisce il modo in cui Michael Jackson cercò di bissare il clamoroso successo di «Thriller», il disco che ha venduto di più al mondo: cento milioni di copie. Michael sullo specchio del bagno di casa riscrisse quella cifra come obiettivo: era il 31 agosto 1987. Cinque anni dopo l’exploit di «Thriller», voleva rimettersi sul capo la corona di re della musica pop. Il documentario, condito da immagini inedite e testimonianze di un mucchio di persone che gli hanno voluto bene e che hanno lavorato con lui, è la storia di un disco e del tour che lo accompagnò per due anni, toccando 15 Paesi, 123 concerti, 4milioni e 400 mila spettatori. Erano gli anni della rivalità con Prince («non fu un incontro felice, Michael era convinto che Prince volesse fargli una maledizione con un oggetto voodoo»). La musica non viaggiava su Internet ma nei video; guai a chiamarli così, per Michael Jackson erano cortometraggi immersi nella polverina magica del suo talento multiforme: scriveva pura adrenalina sincopata, cantava, ballava con quei m o v i m e n t i fluidi in cui scivolava in avanti, si autoproduceva. Per ogni canzone, un video (o un corto). «Bad» fu realizzato da Martin Scorsese: «Michael voleva dimostrare di essere un vero nero e cercai un tono drammatico. La location fu la stazione della metro di Brooklyn, uao, mi sembrava di rivivere Taxi Driver, c’era una macchia di urina per terra. Era perfetta». In «The way you make me feel » cantava accanto a una fotomodella, si chiama Tatiana, le fu raccomandato di non baciarlo: «È troppo timido». Mariah Carey: «Avevo solo due vestiti a quel tempo e uno nero era identico a quello di Tatiana ». Sheryl Crow era la corista del tour: «Ti coinvolgeva ogni volta in modo diverso». Il duetto con Stevie Wonder non funzionò, come ricorda Quincy Jones. Nel filmato, osserva Spike Lee, «c’è la possibilità di capire la sua unicità, il suo processo creativo». La fatica del successo di un talento naturale, la ricerca ossessiva di un suono e di un nuovo modo di ballare. Jackson studiava James Brown e Fred Astaire, West Side Story e i film di Bob Fosse; in una canzone ebbe un credit per lo schiocco delle dita; nel suo studio di registrazione era fissato con l’acustica della doccia. Le stravaganze di chi visse la vita come un luna park. Arriva anche l’annuncio che il 18 settembre la Sony metterà sulmercato una confezione deluxe di «Bad»: 3 cd e il dvd del famoso concerto a Wembley. Si concludeva con lui che, sulle note di «Man in the mirror », era l’immagine di Cristo in croce. «Non posso dire perché allargò le braccia in quel modo — dice Spike Lee — ma se lo guardi capisci che era in un altro pianeta».

FONTE: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]


ESCLUSIVO: INTERVISTA A LEE E BRANCA IN ANTEPRIMA SUL FOREVER MICHAEL
Spoiler:
se la trovate in altri forum è perchè la talpa si è rintrufolata quì e fa di nuovo il copia e incolla
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Inoltre,a questo indirizzo,trovate un'altra intervista a Spike. Purtroppo devo postare il link perchè non mi fa copiare l'embed.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]


_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Love lives forever...
NOI,VERI fan di Michael Jackson,non odiamo nessuno e non lanciamo maledizioni a nessuno. NEMMENO A CHI CI INVIDIA E CI COPIA!
IT'S ALL FOR LOVE!

LA DIFFERENZA TRA LA GENIALITA' E LA STUPIDITA' E' CHE LA GENIALITA' HA I SUOI LIMITI....
mija.jami
mija.jami
Admin
Admin

Età : 43
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 08.03.12
Messaggi : 3761
Punti : 8426

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da mija.jami il Mar 4 Set - 20:49

Venezia 2012 - Bad 25: Recensione in Anteprima del documentario di Spike Lee

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]


A pochi giorni dal riscontro positivo del documentario di Johnathan Demme (Enzo Avitabile Music Life), eccoci tornare sull’argomento con un progetto analogo, ossia Bad 25. Ed il titolo lascia decisamente poco spazio alla fantasia. Quest’anno ricorre il venticinquesimo anniversario dalla pubblicazione dell’album Bad. Un omaggio, dunque, non solo a quello strepitoso lavoro, ma soprattutto alla figura che c’è dietro.
Esatto, proprio lui. Il re del pop, Michael Jackson. Sono trascorsi tre anni dalla morte di Jacko, quindi quale occasione migliore per tornare a parlarne? In questo modo abbiamo modo di ripercorre tappe, pensieri, episodi che non appartengono solo a coloro che, a vario titolo, contribuirono a quel successo epocale. Perché ricordare l’enfant prodige dei Jackson 5 ci consente di rievocare momenti che appartengono anche a noi - e ci riferiamo in particolar modo a chi questo artista lo ha amato, oltre ad essere venuto al mondo non più tardi degli anni ‘80.
Un lavoro di estremo interesse, di conseguenza, non solo per coloro che sono cresciuti a pane e Moonwalk, bensì per ogni amante della musica. Per coloro che in questa materia ci sguazzano, per un motivo o per un altro. Anche se in fondo il pubblico a cui intende rivolgersi Spike Lee ci pare sia piuttosto trasversale, dai più competenti a coloro i quali si “limitano” ad apprezzare.

Dovessimo in qualche modo riassumere Bad 25, riteniamo non vi sia miglior descrizione di corposo making of. Perché in buona sostanza è di questo che si tratta: un robusto dietro le quinte di Bad, sviscerato traccia per traccia. E sono brani di livello, rimasti nella memoria anche dei meno avvezzi all’opera di MJ.
Un prodotto, questo, che ha consolidato in maniera inequivocabile l’immagine di un Jackson non più solo straordinario cantante e formidabile ballerino, bensì artista a tutto tondo. Uomo di spettacolo anzitutto. Così come spettacolare fu il Tour di quell’album, che macinò record su record, impegnando il suo autore per oltre un anno a spasso per il mondo.
E dato il contesto, il rimando alla dimensione cinematografica è d’obbligo. Approfondendo la lavorazione di Bad, ci rendiamo conto che la Settima Arte c'entri eccome. Perché quello fu anche l’album dai videoclip esagerati, sopra le righe. L’originalità a cui Jacko anelava in maniera così decisa in ambito musicale e coreografico non poteva non riflettersi anche su tale aspetto. Non a caso la definizione di videoclip gli stava talmente stretta da rivolgersi ad essi con la dicitura di corto cinematografico.
Che in tal senso lui e Quincy Jones intendessero fare le cose in grande non è certo una mera deduzione. Sparse per i corti girati troviamo le prove di quanto appena detto. Dalla convocazione di Martin Scorsese per dirigere il video di Bad, ai tanti attori-celebrità intervenuti in quello di Liberian Girl. Ma è anche una tappa importante per l’animazione, preponderante nel nostalgico Speed Demon, con il mitico coniglio Spike quale alter-ego ideale. Oppure il corto girato per Leave Me Alone, più ardito in termini visivi, con quel suo avvicendarsi di immagini all’interno di uno strano parco dei divertimenti.
Ma l’influsso del cinema non si limita certo a questo. Pensiamo a certe coreografie, che Michael Jackson ha appreso meticolosamente e poi rielaborato traendo ispirazione da figure come Fred Astaire (in particolare The Band Wagon di Vincente Minnelli), o da film come West Side Story.
Ciò nondimeno il citazionismo di Bad, come già adombrato, trascende testi e canzoni. In Smooth Criminal, da cui peraltro venne tratto il film Moonwalker, il regista del corto si ispirò ad un capolavoro come Il Terzo Uomo, data l’impronta fortemente noir che si voleva imprimere.
Un ricco approfondimento, quindi, denso di materiale di repertorio e di notizie di cui magari tanti sono all’oscuro. Vi siete mai domandati, per esempio, quale fosse l’identità della Annie di Smooth Criminal? La verità supera ogni vostra immaginazione. Senza contare i non pochi rimandi squisitamente tecnici, talvolta comprensibili anche per i profani. E poiché in Bad 25 c’è un po’ di tutto, non può certo mancare la figura di Michael Jackson, che di fatto spadroneggia tra una sequenza e l’altra. Perché in fondo è lui ad aver dato il soffio vitale a Bad, ecco perché comprendere l’entità di questo album non può prescindere dalla corretta percezione di ciò che il suo autore era e stava diventando.
Scopriamo, giusto per dirne una, che nei credits di The Way You Make Me Feel, il suo nome appare sotto la voce che descrive colui che schiocca le dita. Curiosità, più o meno interessanti, ma tutte indispensabili per stilare un quadro quanto più aderente possibile alla verità. Non sta certo a noi chiederci se Spike Lee ci sia riuscito o meno, ma una cosa bisogna riconoscergliela: laddove tanti si sono limitati alla descrizione più o meno efficace del profilo di questo controverso personaggio, il regista afroamericano ha preferito andare oltre. E a dispetto della natura apertamente commerciale di questo documentario, immagini e musica si fondono in qualcosa di unico.
Fino a quegli ultimi minuti, consegnati completamente nelle mani di Jackson. Chi meglio di lui poteva chiudere? E quale brano meglio di Man in the Mirror? Lui entra, giacca argentata e figura imponente. Gli occhi non sono che per lui. Riflettori puntati, partono le prime note. Finché il microfono non si apre, filtrando la prima strofa:
I’m gonna make a change, for once in my life
It’s gonna feel real good, gonna make a difference
Gonna make it right…
Dopo l’ennesimo, trascinante spettacolo, le luci si spengono. Cala il sipario. Non per noi. Passerà un po’ prima che quel ritmo smetta di fare effetto.

Voto di Antonio: 8
Voto di Gabriele: 8
Voto di Simona: 8,5

FONTE: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Recensione Bad 25, l’arduo ingegno di Michael Jackson raccontato da Spike Lee
Spike Lee ripercorre la creazione di Bad, l’album più complesso di Michael Jackson in uscita il 18 settembre in una nuova edizione

Michael Jackson con Bad (1987) ha realizzato l'album che pur non vendendo 109 milioni di copie come Thriller (1982) è entrato nella storia della discografia come quello in cui ha profuso più energie. Il videoclip Bad fu diretto da Martin Scorsese, in una stazione della metropolitana di New York chiusa per una settimana, scritto dallo sceneggiatore Richard Price (Il colore dei soldi, 1986) e costato 2.200.000 di dollari. Ed è su questo dato iconografico che si concentra il documentario di Spike Lee, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia e realizzato in occasione dei 25 anni della pubblicazione del lavoro. Un album che è esaltato proprio grazie alle sue qualità commerciali più che artistiche.

Spike Lee comincia a raccontare l'evoluzione dell'album partendo dai videoclip della track-list, ossia quel misto di musica e video che grazie a Michael Jackson è assurto a nuovo linguaggio audiovisivo.
Il regista del videoclip Bad, Martin Scorsese racconta della difficoltà di far comprendere a Jackson la trama della clip, con le due bande rivali che si fronteggiano a colpi di danza, fino alla pacificazione finale.
Oppure le inquadrature che non potevano essere tutte a figura intera, e che anche in primo piano avrebbero comunque esaltato le performance della pop-star.


Si alternano poi le interviste al produttore, alla cantante Siedah Garrett che duettò in I Just Can’t Stop Loving You, all'attrice Tatiana Thumbtzen che interpretò la parte della ragazza abbordata nel videoclip The Way You Make Me Feel. Fino al regista di quest’ultimo Joe Pytka. È questo uno dei momenti più personali della biografia creata da Lee: Jackson avrebbe dovuto baciare Tatiana a fine clip, ma il produttore disse di evitare, perché Jackson era troppo timido . Cosicché la scena si conclude con un lungo abbraccio.

Spike Lee si mostra maestro nell’indagare una star che è rimasta nell’immaginario. Così come aveva approfondito il problema delle vittime nel poco fortunato Miracolo a Sant'Anna (Miracle at St. Anna, 2008), emerge qui alla fine lo stesso concetto di afflizione. Toccante è la frase di un’amica di Jackson che afferma: “ci dovremmo tutti vergognare”, pentire del fatto di aver indugiato nella vita privata di una persona, che avesse un parco giochi privato, che riposasse in una camera iperbarica, che avesse la pelle del volto ritoccata con chirurgia plastica. Il che ha sancito una tensione e una morte prematura a soli 51 anni.

Il documentario di Spike Lee patisce una ripetitività dovuta alla metodicità della sceneggiatura, che esamina uno dopo l’altro i singoli dell’album Bad, da Dirty Diana a Smooth Criminal (che doveva essere il titolo originale dell’album) a Liberian Girl. Di fronte alla sonorità che poi collima con le interviste, da quella a Mariah Carey a Steve Wonder, fino ai produttori tra cui il presidente della CBS Walter Yetnikoff nonché i vari confidenti, rivela la genialità dell’artista di Gary. Un Michael Jackson meno Bad di quanto si credesse.

FONTE: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]


_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Love lives forever...
NOI,VERI fan di Michael Jackson,non odiamo nessuno e non lanciamo maledizioni a nessuno. NEMMENO A CHI CI INVIDIA E CI COPIA!
IT'S ALL FOR LOVE!

LA DIFFERENZA TRA LA GENIALITA' E LA STUPIDITA' E' CHE LA GENIALITA' HA I SUOI LIMITI....
Monnie
Monnie
Billie Jean
Billie Jean

Età : 107
Località : Nel cuore di qualcuno..Spero.
Data d'iscrizione : 22.03.12
Messaggi : 442
Punti : 3459

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da Monnie il Mar 4 Set - 21:45

Oh Cavolo.......
Adesso si che ho dubbi se acquistarlo o no...! Ohbfvjbdjfvj ><"


_________________
Peace
Love
Hope.



[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
AngelInTheSky
AngelInTheSky
Rock with you
Rock with you

Età : 22
Località : Neverland..♥
Data d'iscrizione : 20.08.12
Messaggi : 40
Punti : 2886

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da AngelInTheSky il Mar 4 Set - 23:04

Pensate di comprarlo..?
ale.mj
ale.mj
Speechless
Speechless

Età : 21
Località : Lost in the city of angels ♥
Data d'iscrizione : 21.03.12
Messaggi : 2218
Punti : 5448

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da ale.mj il Mer 5 Set - 18:38

Troppi dubbi... Anche io non so se prenderlo o no ora!!!
mija.jami
mija.jami
Admin
Admin

Età : 43
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 08.03.12
Messaggi : 3761
Punti : 8426

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da mija.jami il Mer 5 Set - 20:40

Dubbi su cosa??? scratch Non è negativo...non ha assolutamente niente di negativo per Michael. E' stato osannato da tutti questo film,perchè avete dubbi?
Io ho l'unico dubbio della disponibilità economica. Per il resto,lo comprerei da domani.


_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Love lives forever...
NOI,VERI fan di Michael Jackson,non odiamo nessuno e non lanciamo maledizioni a nessuno. NEMMENO A CHI CI INVIDIA E CI COPIA!
IT'S ALL FOR LOVE!

LA DIFFERENZA TRA LA GENIALITA' E LA STUPIDITA' E' CHE LA GENIALITA' HA I SUOI LIMITI....
MaryLoveMj
MaryLoveMj
You are not alone
You are not alone

Età : 24
Località : Trapani
Data d'iscrizione : 10.07.12
Messaggi : 1681
Punti : 4972

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da MaryLoveMj il Mer 5 Set - 20:58

Ma che tipo di dubbi scusate? Non riesco a capire o.O
ale.mj
ale.mj
Speechless
Speechless

Età : 21
Località : Lost in the city of angels ♥
Data d'iscrizione : 21.03.12
Messaggi : 2218
Punti : 5448

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da ale.mj il Gio 6 Set - 8:18

Io ho l'unico dubbio della disponibilità economica. Per il resto,lo comprerei da domani.

Eeemh si, io parlo più o meno di quello. Nel senso che dovrò scegliere fra questo e altre cose.. Perciò ora ho dei dubbi al riguardo, ma non sul contenuto. Ovviamente mi è concessa solo una cosa, quidi dovrò rifletterci (se fosse per me prenderei tutto e basta, ma non posso).
Monnie
Monnie
Billie Jean
Billie Jean

Età : 107
Località : Nel cuore di qualcuno..Spero.
Data d'iscrizione : 22.03.12
Messaggi : 442
Punti : 3459

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da Monnie il Gio 6 Set - 12:26

Io non parlavo solo in senso economico....
Io parlo soprattutto del fatto che sono stata sempre decisa a non appoggiare tuuuuutto il vario materiale di Bad 25,principalmente perchè dietro tutto c'è sempre lei...la Sony.
Ma non solo per questo...

..E adesso mi trovo indecisa se prendere qualcosa,come il documentario,o no..


_________________
Peace
Love
Hope.



[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
mija.jami
mija.jami
Admin
Admin

Età : 43
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 08.03.12
Messaggi : 3761
Punti : 8426

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da mija.jami il Gio 6 Set - 13:12

Ma infatti io il tuo dubbio lo avevo capito,perciò non ho commentato.
Perchè,se ho capito bene,tu sei rimasta colpita dalle critiche ricevute dal film e da come è fatto e ti ha assalito il dubbio se comprarlo o meno proprio perchè non vuoi contribuire a "far ingrassare la Sony".

Invece,chiedo scusa se non è così,ho avuto tanto l'impressione che i commenti successivi al tuo siano stati un po' buttati lì a caso, "tanto per commentare".
Nel senso che ho avuto l'impressione che non abbiate letto l'articolo e vi siete poggiate sul commento di Monnie per commentare,pensando che l'articolo fosse negativo e che i dubbi di Monnie fossero nel merito del film.

Scusate,ma è stata questa la mia impressione e ve la dico. Sapete che sono sempre sincera con voi.


_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Love lives forever...
NOI,VERI fan di Michael Jackson,non odiamo nessuno e non lanciamo maledizioni a nessuno. NEMMENO A CHI CI INVIDIA E CI COPIA!
IT'S ALL FOR LOVE!

LA DIFFERENZA TRA LA GENIALITA' E LA STUPIDITA' E' CHE LA GENIALITA' HA I SUOI LIMITI....
AngelInTheSky
AngelInTheSky
Rock with you
Rock with you

Età : 22
Località : Neverland..♥
Data d'iscrizione : 20.08.12
Messaggi : 40
Punti : 2886

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da AngelInTheSky il Gio 6 Set - 17:35

Io ho fatto una semplice domanda, di certo non mi sono appoggiata a quello che ha detto lei.. Very Happy
MaryLoveMj
MaryLoveMj
You are not alone
You are not alone

Età : 24
Località : Trapani
Data d'iscrizione : 10.07.12
Messaggi : 1681
Punti : 4972

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da MaryLoveMj il Gio 6 Set - 18:31

Aaaah dubbi in quel senso,ah bhe anche io non so se acquisterò tutto il materiale,se fosse per me prenderei tutto ma purtroppo non ho la disponibilità economica :\
mija.jami
mija.jami
Admin
Admin

Età : 43
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 08.03.12
Messaggi : 3761
Punti : 8426

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da mija.jami il Ven 7 Set - 13:04

Ragazze,ma voi avete avuto modo di sentire il commento di quella sottospecie di essere umano di Roberto D'Agostino al film di Lee?
Io non l'avevo visto. E' da rinchiudere in manicomio e buttar via la chiave. Mettetegli la maschera di Hunnibal Lecter.

Vi posto il link dove vedere il video.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

E' stato cafone,ignorante,volgare,scurrile e alla fin fine non ha detto un c**** di niente. E quell'altro idiota che era con lui era ancora peggio.
E questi sono i programmi della rai???


_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Love lives forever...
NOI,VERI fan di Michael Jackson,non odiamo nessuno e non lanciamo maledizioni a nessuno. NEMMENO A CHI CI INVIDIA E CI COPIA!
IT'S ALL FOR LOVE!

LA DIFFERENZA TRA LA GENIALITA' E LA STUPIDITA' E' CHE LA GENIALITA' HA I SUOI LIMITI....
AngelInTheSky
AngelInTheSky
Rock with you
Rock with you

Età : 22
Località : Neverland..♥
Data d'iscrizione : 20.08.12
Messaggi : 40
Punti : 2886

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da AngelInTheSky il Ven 7 Set - 13:08

Per questo non guardo mai la tv.
MaryLoveMj
MaryLoveMj
You are not alone
You are not alone

Età : 24
Località : Trapani
Data d'iscrizione : 10.07.12
Messaggi : 1681
Punti : 4972

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da MaryLoveMj il Ven 7 Set - 15:02

Oddio non me ne parlare,che nervoso mamma mia,pensa che io gli ho scritto sia un commento sotto il video sia nella sua pagina,va be che non è la pagina ufficiale ma me ne sono fregata.Ha parlato semplicemente da ignorante e da invidioso cafone "un c**** che si muove" ma si guardasse lui che sembra una capretta tibetana,e noi paghiamo il canone per guardare a sti quattro scemi che vengono pagati per andare in tv a sparare quattro cavolate.
ale.mj
ale.mj
Speechless
Speechless

Età : 21
Località : Lost in the city of angels ♥
Data d'iscrizione : 21.03.12
Messaggi : 2218
Punti : 5448

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da ale.mj il Ven 7 Set - 18:50

Ma chi si crede??? Ma poi, io non capisco, sono così bravi a dire stupidaggini... Ma usate un po' quella bocca per dire qualcosa di buono ma soprattutto di VERO. La gente è ignorante... Giuro che potrei... Ucciderlo con le mie mani...
mija.jami
mija.jami
Admin
Admin

Età : 43
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 08.03.12
Messaggi : 3761
Punti : 8426

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da mija.jami il Ven 7 Set - 21:33

Sono arrabbiata quanto voi e soprattutto allibita che abbiano permesso una cosa simile alla Rai. E' vero che il programma era in diretta e che quindi non avrebbero potuto tagliare o mettere il bip sull'ultima cafonata uscita da quel c**so che è la bocca di D'Agostino,ma almeno le scuse immediate e dirette avrebbero potuto e dovuto farle.

Comunque,ci tengo a precisare che la frase "un c**** che si muove" non era in senso pienamente dispregiativo,offensivo o riduttivo diretto a Michael.
Se avete seguito quello che avrebbe dovuto essere un discorso,lui diceva che la musica rock,soul,R&B esprimono sesso,sono manifestazioni,esternazioni di desideri e voglie sessuali. Ed ecco la battuta infelicissima "...quindi non è altro che un c**** che si muove sul palco".
Questa è solo una grossa cafonata e volgarità. Inaccettabile in una tv pubblica anche se detta fuori dalla fascia protetta.
Lo scempio sta in tutto quello che ha detto sin da quando ha aperto la bocca. E di nuovo a tirar fuori la grandissima st*****ta che voleva sbiancarsi,i riferimenti alla pedofilia nei quali non ha nemmeno cercato di nascondere quale è la sua idea in proposito,i riferimenti alla omosessualità di Michael... Per non parlare di quella che doveva essere una critica all'opera di Michael attraverso la critica al lavoro di Spike Lee che non aveva nè testa nè coda. Molto molto impreparato in materia,a voler essere gentili.


_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Love lives forever...
NOI,VERI fan di Michael Jackson,non odiamo nessuno e non lanciamo maledizioni a nessuno. NEMMENO A CHI CI INVIDIA E CI COPIA!
IT'S ALL FOR LOVE!

LA DIFFERENZA TRA LA GENIALITA' E LA STUPIDITA' E' CHE LA GENIALITA' HA I SUOI LIMITI....
mija.jami
mija.jami
Admin
Admin

Età : 43
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 08.03.12
Messaggi : 3761
Punti : 8426

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da mija.jami il Sab 8 Set - 6:53

Scusate il doppio post,ma ho trovato questo video e volevo postarvelo.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Peccato che ci abbiano messo anche la voce di quell'idiota di D'Agostino sotto.



_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Love lives forever...
NOI,VERI fan di Michael Jackson,non odiamo nessuno e non lanciamo maledizioni a nessuno. NEMMENO A CHI CI INVIDIA E CI COPIA!
IT'S ALL FOR LOVE!

LA DIFFERENZA TRA LA GENIALITA' E LA STUPIDITA' E' CHE LA GENIALITA' HA I SUOI LIMITI....
MaryLoveMj
MaryLoveMj
You are not alone
You are not alone

Età : 24
Località : Trapani
Data d'iscrizione : 10.07.12
Messaggi : 1681
Punti : 4972

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da MaryLoveMj il Sab 8 Set - 18:16

Ma perché hanno voluto rovinare quel video con la voce di quel fetente? D': Secondo me lui non doveva neanche aprire bocca,a parte c**** o non c**** che si muove,lui non doveva neanche venire li perché se io non conosco qualcuno o qualcosa non parlo a vanvera e non sparo a zero,mi sto zitta e non dico niente a riguardo sulle cose che non conosco,cosa che doveva fare questo D'agostino,lui si sente tutto saputello ma ne sa meno di un bambino di 5 anni,anzi i bambini di 5 anni sono troppo intelligenti rispetto a lui.
Monnie
Monnie
Billie Jean
Billie Jean

Età : 107
Località : Nel cuore di qualcuno..Spero.
Data d'iscrizione : 22.03.12
Messaggi : 442
Punti : 3459

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da Monnie il Dom 9 Set - 12:25

Oh cavolo...
Non ho avuto modo di vedere il video della Rai perchè non mi si caricano i video ^^'..
Ma se è vero che ha detto quelle cose,pedofilia,'sbiancarsi la pelle' e roba varia,è davvero da mandarlo a calci in c*** ..!

E comunque la frase 'Michael era un c**** che si muove'..sinceramente appena l'ho sentita sono scoppiata a ridere xDD..So per certo anche io che non voleva intendere niente di dispregiativo o negativo..!HAHAHAHHA LOL Very Happy


_________________
Peace
Love
Hope.



[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Contenuto sponsorizzato

Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia Empty Re: Il documentario di Spike Lee approda alla Mostra del Cinema di Venezia

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


    La data/ora di oggi è Mer 3 Giu - 4:07