Forever Michael

Forum dedicato a Michael Jackson:la musica personificata.

Benvenuto

Benvenuto ospite! Il forum ti invita a registrarti per partecipare alle nostre discussioni. Il forum invita anche i nuovi utenti a presentarsi nell'apposita sezione,in modo da farsi conoscere e ricevere il nostro benvenuto. Inoltre il forum ricorda a tutti i membri di leggere attentamente e rispettare sia il regolamento generale sia i regolamenti delle diverse sezioni. Ciò faciliterà la comprensione delle varie discussioni e il lavoro di tutti. Grazie. Buona navigazione e buon divertimento

Ultimi argomenti

I postatori più attivi del mese

\');}rp_account="11662";rp_site="36512";rp_zonesize="151372-2";rp_adtype="js";rp_smartfile="[SMART FILE URL]";');}//]]>

Remembering Michael

mija.jami
mija.jami
Admin
Admin

Età : 43
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 08.03.12
Messaggi : 3761
Punti : 8426

Remembering Michael Empty Remembering Michael

Messaggio Da mija.jami il Mar 25 Giu - 17:09

Nel giorno del quarto anniversario della morte di Michael Jackson, un nostro ricordo di the King of Pop


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

In questi giorni, della vita e del passato di Michael Jackson si è parlato fin troppo. Il dramma legato al tentativo di suicidio di sua figlia Paris ha infatti acceso riflettori e riflessioni sulla sfera privata di The King Of Pop.

Oggi, nel quarto anniversario dalla sua morte, vorremmo invece per un attimo far calare un doveroso sipario (giacché il proverbiale velo pietoso sembra in molti casi passato di moda) su tutta una serie di pruriginosi discorsi per ricordare l'artista, il re, la stella Jackson.
Siamo sinceri: è difficile trovare, nella storia recente, una personalità del mondo della musica (o dell'arte tout court) che sia riuscita, nel giro di pochissimo tempo -parliamo di poco più di un decennio-, a cambiare radicalmente le carte in tavola nel mondo della musica leggera tanto quanto Jacko.

È infatti Jackson "l'anno zero" della musica pop: in lui sono confluite le figure di musicista, di entertainer, di illusionista, di ballerino e di divo. Era tutto. Tutto insieme e senza alcun tipo di limite.

Volendo indicare un ideale percorso conoscitivo della sua opera, senza peraltro alcuna pretesa di esaustività, il punto di partenza sono ovviamente i quattro album storici: con Off The Wall (1979), Thriller (1982), Bad (1987) e Dangerous (1991), Jackson ha cambiato per sempre la musica, componendo opere che andrebbero ascoltate una volta alla settimana per rinfrescarsi i fondamentali del pop e la sua evoluzione. Prima di questi pilastri, una radiosa parentesi da "bambino prodigio" con i Jackson 5 e quattro album solisti (Got to Be There, Ben, Music & Me e Forever Michael) che valgono giusto un Best Of. Parentesi di colore: la dolcissima ballata Ben, colonna sonora dell'omonimo horror con protagonista un ratto killer, è valsa a Jackson un Golden Globe come miglior canzone.

Esaurito -si fa per dire- il discorso musicale, dopo che ci si è perduti tra un grande classico (Billie Jean, Black or White, Man In The Mirror) o qualche perla meno conosciuta (Human Nature, In The Closet o la stessa Off the Wall), si può passare al lato video, altro campo in cui Jackson ha fatto tabula rasa. Non si può che prendere le mosse dal videoclip di Thriller: diretto da John Landis (Un lupo mannaro americano a Londra), Thriller è il primo video nella storia ad essere stato concepito con una trama e una coreografia. 500.000 dollari di budget, 13,43 minuti di durata (rivoluzionario tanto nel costo quanto nella lunghezza), Vincent Price alla voce e un clip che è diventato uno dei video più influenti della storia della musica.

Una passione, quella per il cinema, che Jackson non ha mai nascosto -anche forse per la grandeur quasi cartoonesca che ammanta tuttora Hollywood- e che ha avuto poi una nuova "manifestazione", a dieci anni da Thriller, nel video kolossal Remember The Time. Durata da cortometraggio ambientazione "storico-favolistica" e un cast che vede protagonista il golden boy hollywoodiano dell'epoca Eddie Murphy in compagnia della modella Iman e di Magic Johnson.

Tra i due video si incastra Moonwalker (targato 1988), vero e proprio lungometraggio, che, nel suo essere lisergico, folle, a tratti veramente sopra le righe, è, a nostro parere, il più realistico spaccato dell'immaginario jacksoniano (parliamo proprio di ciò che piaceva a Michael). Ed è proprio in Moonwalker che debutta l'indimenticabile look gangster di Smooth Criminal. Un'"invenzione" che ha segnato profondamente l'immaginario a cavallo tra gli anni 80 e 90, portando Jackson a conquistare anche il mondo dei videogiochi. Ispirati a Moonwalker, infatti, verranno realizzati ben tre titoli per diverse piattaforme: Michael Jackson's Moonwalker che, all'epoca, aveva quasi tenuto a battesimo il neonato Sega MegaDrive; il relativo gioco per cabinato da sala giochi e il vecchissimo -ma totalmente fedele alla trama del film- titolo per Commodore 64.

Il discorso potrebbe andare avanti ancora a lungo, partendo dai passi di danza inventati da Jackson, passando da Quincy Jones, dal suo look inimitabile (come il guanto singolo sfoggiato nel 1983 durante lo show Motown 25) fino ad arrivare agli effetti speciali inventati dallo stesso Jacko (lo stivaletto con perno per realizzare il piegamento della coreografia live di Smooth Criminal) e agli svenimenti dei fan durante i suoi concerti. A proposito di concerti ed esibizioni...

Se si può parlare di Storia nei riguardi dell'esibizione al Superbowl datata 1993, iniziata con un Michael in posa plastica, fermo, immobile, sommerso dall'adorazione dell'America per due interminabili minuti; è, a nostro giudizio, la sua esibizione del 1988 ai Grammy Awards il momento più toccante, vivo e sincero del rapporto tra Michael e la musica. Un live intensissimo dal quale lo stesso Jackson si lascia travolgere finendo, negli ultimi minuti, a saltare sul palco completamente immerso nell'energia della performance. Ed è così che lo vogliamo ricordare, ascoltandolo e vedendolo sopra al palco. Re nel suo regno, imperatore unico del pop.

FONTE: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Michael Jackson, quattro anni dalla morte: l'omaggio di Soundsblog


Il 25 Giugno 2009 una notizia squassò i network nazionali di tutto il mondo: Michael Jackson era stato dichiarato morto in ospedale a Los Angeles dopo una serie di tentativi di rianimazione inutili. Sembrava impossibile che potesse essere successo: Michael Jackson apparteneva a quella categoria di persone considerate immortali, scevre da qualunque tipo di contatto con la vera realtà. Era il Re del Pop e i re muoiono in battaglia gloriosamente, non storditi dall’uso eccessivo di farmaci somministrati da medici controversi.

Non è facile parlare di Michael Jackson: una carriera sterminata, i record per il disco più venduto di tutti i tempi detenuto dal capolavoro Thriller del 1982, oltre il miliardo di copie complessive della sua discografia, canzoni e album che hanno cambiato completamente il corso della storia della musica pop generando emuli come Justin Timberlake; poi tutto il contorno come i concerti faranoici, gli storici balletti col passo delmoonwalk di cui avrebbe potuto quasi chiedere il brevetto, i costumi di scena, le stranezze che ne hanno resto il personaggio ancora più bizzarro e particolare… tutto in Michael Jackson era oltre la concezione umana di star della musica da venerare.

Una macchina da soldi dalla vita difficile, di cui molto si è detto senza sapere cosa potesse esserci dietro e dentro: da uno che sulle scene musicali e mediatiche ci era cresciuto ci si sarebbe forse aspettata una fine diversa, meno ingloriosa e più celebrativa della sua grandezza e importanza musicale, offuscate dai pettegolezzi e dagli scandali legali e sessuali. Non aveva fatto in tempo a chiudere in bellezza con quei concerti di Londra dell’estate 2009 che avevano felicemente dichiarato sold out, andandosene due mesi prima dell’inizio del tour conclusivo della sua gloriosa carriera.

Noi di Soundsblog rinnoviamo il nostro omaggio a Michael Jackson lasciandovi con tre delle sue canzoni storiche, tra le preferite di chi scrive. Buon moonwalk e “au!” a tutti.

FONTE: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

ANNIVERSARIO DELLA MORTE DI MICHAEL JACKSON, QUELLO CHE C'È DA SAPERE SU DI LUI E SULLA SUA SCOMPARSA


Oggi è il 25 giugno 2013 e si celebra il quarto anniversario dalla morte di Michael Jackson . Nelle ultime ore è stato ritrovato negli archivi del museo delle cere di Madame Tussaud's un filmato dove è possibile vedere, in bassa qualità, alcune sequenze di ballo eseguite per gli scultori che hanno poi realizzato per lui il monumento alla sua celebrità.



Questi 48 secondi hanno riacceso la memoria e riaperto la ferita di milioni di fan che ancora non si danno pace per la sua tragica scomparsa. Nel 2009 il suo cadavere è stato ritrovato al numero 100 di North Carolwood Drive, Los Angeles. Provate a tornarci come noi con Google Maps Street View .
Non un cimelio, non un mazzo di fiori lasciato di fronte a quella proprietà. Strano? Affatto. Ci sono solo molti cartelli agli ingressi delle strade che vietano la fermata e qualsiasi tipo di sosta. La volontà è chiara: quell'abitazione, che peraltro era in affitto, non deve diventare un mausoleo. I fan da tutto il mondo si riuniscono attorno alla sua Walk of Fame situata a Hollywood.
Finalmente è stata fatta chiarezza, anche se i media non smettono mai di parlarne e teorizzare, sulla storia della sua scomparsa. Era mezzogiorno (la notizia è arrivata a noi in nell'edizione notturna dei giornali, c'è un documento del TG1 on line ) e l'unica persona con lui in quel momento era Conrad Murray.
È lui il medico personale che ha provato a rianimarlo dopo l'attacco cardiaco, accusato e condannato poi per omicidio involontario per avergli somministrato un anestetico per dormire. Quasi nessun problema di per se, ma quell'iniezione unita a altri farmaci precedentemente ingeriti di nascosto da Jackson, avrebbero creato un mix letale. Per questo, Murray è stato condannato a 4 anni di carcere.
Scomparso all'età di 50 nel bel mezzo dei preparativi per le 50 date del tour «This is it», di lui rimane molto: con i suoi 10 album hanno venduto 750 milioni di copie, ha ottenuto 13 Grammy, 13 singoli sono diventati numero uno nella classifica Billboard Americana, mentre i suoi dischi sono rimasti nella chart USA (anche più di uno contemporaneamente) per oltre 4000 settimane e come se non bastasse i biglietti venduti per i suoi 3 tour mondiali sono circa 12 milioni. Dopo la sua morte, ha venduto altri 35 milioni di album. Nessuno, né ora né mai, potrà eguagliare il suo successo.

FONTE: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]


_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Love lives forever...
NOI,VERI fan di Michael Jackson,non odiamo nessuno e non lanciamo maledizioni a nessuno. NEMMENO A CHI CI INVIDIA E CI COPIA!
IT'S ALL FOR LOVE!

LA DIFFERENZA TRA LA GENIALITA' E LA STUPIDITA' E' CHE LA GENIALITA' HA I SUOI LIMITI....
ale.mj
ale.mj
Speechless
Speechless

Età : 21
Località : Lost in the city of angels ♥
Data d'iscrizione : 21.03.12
Messaggi : 2218
Punti : 5448

Remembering Michael Empty Re: Remembering Michael

Messaggio Da ale.mj il Mer 26 Giu - 21:24

Belli. Soprattutto il primo, mi è piaciuta la parte finale in particolare. Era ora che venisse ricordato per ciò che ha donato, per l'artista che è sempre stato. Bello anche il video, seppur corto. È vero, noi vogliamo ricordarlo così.
MaryLoveMj
MaryLoveMj
You are not alone
You are not alone

Età : 24
Località : Trapani
Data d'iscrizione : 10.07.12
Messaggi : 1681
Punti : 4972

Remembering Michael Empty Re: Remembering Michael

Messaggio Da MaryLoveMj il Mer 26 Giu - 23:24

Sono d'accordo con Aurora,michael va ricordato per le cose belle che ha fatto e che ha lasciato,gli scandali lasciamoli ai tabloid spazzatura. Comunque c'è un altro video di 15 minuti circa,solo che è a rallentatore,se volete lo posto.
mija.jami
mija.jami
Admin
Admin

Età : 43
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 08.03.12
Messaggi : 3761
Punti : 8426

Remembering Michael Empty Re: Remembering Michael

Messaggio Da mija.jami il Mer 26 Giu - 23:33

D'accordo con voi.

Sì,ieri l'ho visto quel video. Non l'ho postato per paura che non vi piacesse. Per me puoi postarlo,Maria.


_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Love lives forever...
NOI,VERI fan di Michael Jackson,non odiamo nessuno e non lanciamo maledizioni a nessuno. NEMMENO A CHI CI INVIDIA E CI COPIA!
IT'S ALL FOR LOVE!

LA DIFFERENZA TRA LA GENIALITA' E LA STUPIDITA' E' CHE LA GENIALITA' HA I SUOI LIMITI....
MaryLoveMj
MaryLoveMj
You are not alone
You are not alone

Età : 24
Località : Trapani
Data d'iscrizione : 10.07.12
Messaggi : 1681
Punti : 4972

Remembering Michael Empty Re: Remembering Michael

Messaggio Da MaryLoveMj il Mer 26 Giu - 23:58

Non ci piacesse? A me basta che si tratta di michael mi piace tutto lol!
Ecco qui il video:

mija.jami
mija.jami
Admin
Admin

Età : 43
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 08.03.12
Messaggi : 3761
Punti : 8426

Remembering Michael Empty Re: Remembering Michael

Messaggio Da mija.jami il Gio 27 Giu - 23:33

Tom Mesereau ricorda Michael nel 4° anniversario della sua morte


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]


- Come pensa che Michael debba essere ricordato?


Mesereau
: Prima di tutto, Michael Jackson dovrebbe essere ricordato come uno degli artisti più dotati della storia. Il suo talento e le realizzazioni in musica, danza, coreografia e divertimento non potranno mai essere superati. Tuttavia, Michael Jackson è stato molto più che un genio creativo. Lui era impegnato ad una vita straordinaria di generosità,compassione e atti umanitari. Voleva usare i suoi doni per rendere il mondo più gentile, premuroso e amorevole a molti livelli.
Sul pian personale, io considero Michael Jackson per essere stato una delle persone più gentili e più belle che io abbia mai avuto il piacere di incontrare. E' stato un onore e un privilegio essere stato il suo difensore penale in un periodo così buio.


- Qual è il suo ricordo più bello di Michael?

- Mesereau
: Il mio ricordo più bello di Michael Jackson si riferisce alla mia defunta sorella, Marigene Mesereau. Circa tre mesi prima della dichiarazione di apertura nel processo penale di Michael Jackson,ricevetti la notizia devastante che mia sorella era malata terminale di cancro al cervello e ai polmoni. Il piano del medico era di rimuovere il suo tumore al cervello prima. A seguito di questo intervento chirurgico delicato, Marigene fu portata a casa sua a Irvine, in California. Mentre si avvicinava alla porta di casa, si accorse che la porta era coperta con il più grande e il più colorato mazzo di fiori che lei avesse mai visto. Non riusciva a passare attraverso la porta. Allegato al bouquet c'era una poesia a lei scritta da Michael Jackson.

FONTE: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Traduzione: mija.jami per Forevermichael


_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Love lives forever...
NOI,VERI fan di Michael Jackson,non odiamo nessuno e non lanciamo maledizioni a nessuno. NEMMENO A CHI CI INVIDIA E CI COPIA!
IT'S ALL FOR LOVE!

LA DIFFERENZA TRA LA GENIALITA' E LA STUPIDITA' E' CHE LA GENIALITA' HA I SUOI LIMITI....
MaryLoveMj
MaryLoveMj
You are not alone
You are not alone

Età : 24
Località : Trapani
Data d'iscrizione : 10.07.12
Messaggi : 1681
Punti : 4972

Remembering Michael Empty Re: Remembering Michael

Messaggio Da MaryLoveMj il Gio 27 Giu - 23:42

Va be ma io stimo Mesereau,è uno dei tanti a cui dovrò fare una statua d'oro u.u
Oh mio Dio Michael ha fatto un gesto stupendo,strepitoso,o mio Dio quanto amo quest'uomo.
mija.jami
mija.jami
Admin
Admin

Età : 43
Località : Napoli
Data d'iscrizione : 08.03.12
Messaggi : 3761
Punti : 8426

Remembering Michael Empty Re: Remembering Michael

Messaggio Da mija.jami il Dom 30 Giu - 1:03

Ricordando Michael Jackson, quattro anni dopo

di JOE VOGEL 25 giu 2013


Il brano che segue è dell' autore di bestseller ed ex pubblicista, Howard Bloom, e racconta la sua breve esperienza di lavoro con Michael a metà degli anni 1980. Penso che descrive splendidamente la magia che è stato Michael Jackson. Buon divertimento!

Eravamo tutti troppo ravvicinati intorno al tavolo da biliardo,sul lato opposto del direttore artistico. Michael era al centro. Ero in piedi accanto a lui, alla sua sinistra. E i fratelli erano affollati intorno a noi su entrambi i lati. L'art director CBS fece scivolare il primo dei portafogli verso Michael. Aprì la prima pagina, lentamente ... appena sufficiente a vedere forse un centimetro dell'immagine. Mentre prendeva visione le sue ginocchia cominciarono a cedere, i gomiti piegati, e tutto quello che poteva dire era "oooohhhhh." Un morbido, orgasmico "ooooh". In una sillaba e nel linguaggio del suo corpo, si poteva sentire quello che stava vedendo.

Conosci il poema di William Blake?

"Per vedere un mondo in un granello di sabbia,
E un Cielo in un fiore selvatico,
Tenere l'Infinito nel palmo della tua mano,
E l'Eternità in un'ora. . .
"

L'intensa ambizione di quella poesia, l'intenso desiderio di stupirsi, era vivo in Michael. Più vivo che in qualsiasi cosa del genere avessi mai visto. Michael vide l'infinito in un centimetro.
Appena Michael aprì ulteriormente la pagina , centimetro per centimetro, le ginocchia e i gomiti piegati ancora di più e il suo "oooh", i suoi suoni di orgasmo estetico, divennero ancora più intensi.
In piedi gomito a gomito e spalla a spalla con lui, si poteva sentire lo scoprire cose del pennello che neanche l'artista non aveva mai visto. Quando aprì la pagina completamente il suo corpo e la sua voce esprimevano un'estasi. Un'epifania estetica. Non avevo mai incontrato niente di simile. Michael sentì la bellezza della pagina con ogni cellula del suo essere.

Ho lavorato con Prince, Bob Marley, Peter Gabriel, Billy Joel, e Bette Midler, alcuni tra i migliori talenti della nostra generazione, e non uno di loro aveva la qualità di meraviglia che prendeva vita in Michael. Egli vide la meraviglia in ogni cosa. La sua qualità di stupore era al di là di qualsiasi cosa la maggior parte di noi esseri umani possa concepire.

Guarda, sopra ogni altra cosa sono uno scienziato. La scienza è la mia religione. E 'stata la mia religione da quando avevo dieci anni. Le prime due regole della scienza sono 1) la verità a qualsiasi prezzo compreso il prezzo della vostra vita, e 2) guardare le cose sotto il naso, come se non li hai mai visti prima e poi procedere da lì. E non è solo una regola di scienza. E 'una regola d'arte. Ed è una regola di vita. Pochissime persone la conoscono. Ancora meno persone la vivono. Ma Michael era, egli incarna in ogni follicolo del suo essere. Michael era il più vicino che abbia mai a un angelo laico. Un santo laico.

Io sono un ateo, ma Michael non lo ero. Credeva che gli era stato dato un dono da Dio. E le meraviglie e stupori raramente sono concessi a noi molto fragili esseri umani. Perché Dio gli aveva dato questo enorme dono, si sentiva di dovere l'esperienza di meraviglia, stupore, timore, e infiniti di Blake per i suoi simili. Ma a differenza di altri generosi esseri umani-Bill e Melinda Gates, per esempio, con Michael dare agli altri non era solo una cosa a tempo parziale. La necessità di dare agli altri era in vita in ogni respiro ha preso ogni singolo giorno.

Tutta la vita di Michael Jackson era un ricevere e un donare, e l'unico scopo di ricevere era che così poteva dare. Ha lavorato con ogni cellula del suo corpo per dare il dono di quella meraviglia, che stupore per i suoi simili.




FONTE: [Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Traduzione: mija.jami per Forevermichael


_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]
Love lives forever...
NOI,VERI fan di Michael Jackson,non odiamo nessuno e non lanciamo maledizioni a nessuno. NEMMENO A CHI CI INVIDIA E CI COPIA!
IT'S ALL FOR LOVE!

LA DIFFERENZA TRA LA GENIALITA' E LA STUPIDITA' E' CHE LA GENIALITA' HA I SUOI LIMITI....
simonemj
simonemj
Billie Jean
Billie Jean

Data d'iscrizione : 20.09.12
Messaggi : 251
Punti : 3179

Remembering Michael Empty Re: Remembering Michael

Messaggio Da simonemj il Dom 30 Giu - 7:21

Che belli questi articoli. Finalmente qualcosa di buono. Bello quello di Vogel,toccante.
Michael,il mondo ti ama.
ale.mj
ale.mj
Speechless
Speechless

Età : 21
Località : Lost in the city of angels ♥
Data d'iscrizione : 21.03.12
Messaggi : 2218
Punti : 5448

Remembering Michael Empty Re: Remembering Michael

Messaggio Da ale.mj il Dom 30 Giu - 22:35

Entrambi bellissimi. Mesereau ha finalmente detto in modo chiaro e semplice ció per cui Michael deve essere ricordato. Per il suo genio artistico, ma anche per l'uomo meraviglioso,premuroso, gentile e amorevole che è sempre stato.
Quanto all'articolo di Vogel, non c'era modo migliore per far capire quanto Michael desiderasse avventurarsi in nuovi mondi mediante la scoperta, l'immersione completa nella voglia di conoscere essendo capace di meravigliarsi ogni volta anche davanti a una cosa che agli occhi di molti risulterebbe banale. E credo non ci sia davvero modo piú bello per vivere la vita.

Contenuto sponsorizzato

Remembering Michael Empty Re: Remembering Michael

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


    La data/ora di oggi è Mer 3 Giu - 19:59